Animali e insulti

Corrado Amati, “Porca l’oca. Insulti e animali nella lingua italiana moderna”, Verruche & Figli, Livorno 1988, pp. 138, € 9,90. Con una musicassetta allegata.

Quante volte nel nostro linguaggio quotidiano utilizziamo i nostri amici a 2, 4 o 8 zampe per le imprecazioni? Secondo un’inchiesta di un’università italiana, che ha svolto una poderosa ricerca finanziata massicciamente da denaro pubblico, in media ben 7 volte al giorno. E’ così che il bravo Corrado Amati ha pensato di fare una raccolta di questi insulti: da “maremma maiala” a “zio can”, tutto ciò che va conosciuto su questo tema è condensato nel libro. Due indici, per animali e per contumelie, rendono più agile la scoperta di questo affascinante mondo. Una musicassetta con la corretta pronuncia e inflessione dialettale rende più vivo e vicino al cittadino semplice, quello che paga le tassa e non ruba per intenderci, il problema della zoologia del turpiloquio.

I commenti sono chiusi.